Filosofia

La mia “filosofia” di lavoro si basa su un concetto semplice: ogni paziente con qualsiasi patologia semplice o complicata, benigna o maligna, ha il diritto di essere trattato, curando la malattia, ma allo stesso tempo dando dignità alla forma del nostro corpo.
Quindi unire le regole rigide della chirurgia generale a quelle artistiche della chirurgia plastica, rispecchia in pieno la mia missione o passione lavorativa che culmina nella soddisfazione del paziente e del medico, in un rapporto medico-paziente di complicità e felicità reciproca.
Nella mia esperienza chirurgica ho avvertito come i pazienti, tra i più diversi per nazionalità o estrazione sociale, sono realmente tutti uguali, li accomunano le loro ansie, paure, dubbi e speranze… sentimenti identici dal povero al ricco.
Il testimoniare nei controlli postoperatori, il successo di un intervento sia ricostruttivo che estetico, è talmente appagante e fonte di una felicità e soddisfazione quotidiana che è difficile da spiegare, ma facile da avvertire…
Una chirurgia plastica ben eseguita causa una magia particolare che avvolge la sfera psicologica di ogni individuo, causando un re-incontro con sé stesso, un equilibrio tra l’interno e l’esterno, che culmina con una felicità ed equilibrio della propria apparenza e una gioia nei rapporti sociali. 
L’OMS (Org. Mondiale della Sanità) definisce la salute come uno stato di benessere psico-fisico oltre ad un’assenza di malattia, ed ecco come le armi della Chirurgia o Medicina Antiaging ed Estetica possono fornire gli strumenti per raggiungere tale equilibrio.

Chirurghi durante l'operazione

© 2020 by Chirurgia Bergamaschi. Farmed by Webidoo. Privacy & Cookie Policy